PROGETTO "TERRA-LA NOSTRA CASA COMUNE"

“Abbiamo sofferto e imparato
tantissimo in questi mesi, 
ma non sappiamo ancora bene
cosa abbiamo imparato”

maestro Franco Lorenzoni

Secondo una recente pubblicazione dell’Agenzia europea dell’ambiente, gli impatti chiave che i cambiamenti climatici avranno sull’Europa riguardano l’aumento della siccità, forti piogge e inondazioni.
Dunque il prossimo decennio sarà cruciale per contrastare la crisi climatica e proteggere l’ambiente.
Oggi, come non mai, sentiamo l’urgenza di riflettere come scuola su ciò che sta accadendo attorno e lontano da noi e di essere protagonisti di questo cambiamento di rotta. Così anche quest’anno abbiamo proposto, oltre alle attività che ogni insegnante svolge con la sua classe su queste tematiche, anche qualcosa di comune al plesso che possa dare più forza alle singole iniziative.

LA GIORNATA DELLA TERRA

L'evento viene celebrato ogni 22 aprile dalle Nazioni Unite e dalle tante organizzazioni schieratesi in difesa dell'ambiente e nel 2020 ricorre il 50° anniversario. L'obiettivo dichiarato dell'Earth Day è infatti quello di coinvolgere sempre più nazioni e "fette" della società civile nella tutela dell'equilibrio naturale, prendendosi cura delle foreste, evitando lo spreco di risorse, supportando l'adozione di fonti energetiche più green, combattendo il riscaldamento globale e adottando stili di vita sostenibili.

TERRA: LA NOSTRA CASA COMUNE 

Questo è il titolo del progetto che si realizza nell'arco dell'anno alla luce delle evidenti emergenze del nostro ambiente nella scuola primaria di Via Verdi.
Mi piace concludere con la frase di Lao Tzu “Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce”, con l’augurio che la foresta diventi sempre più grande.
Ins. Marta Bondesan

Ultima modifica il 17-05-2021